Archivi tag: chip

Arriva l’elettronica biodegradabile

NanotecnologiaSarà presto possibile utilizzare chip elettronici che si degradano senza lasciare tracce e senza essere tossici, addirittura all’interno del corpo umano. Si chiamano dispositivi elettronici biocompatibili – piccoli impianti per l’uso sanitario destinati a dissolversi nei tessuti del corpo dopo aver fatto il loro lavoro, e sono già una realtà in fase di sperimentazione. Potranno un giorno essere usati per combattere le infezioni post-chirurgiche, per accelerare lo sviluppo delle ossa e per una serie di altre applicazioni mediche – e non solo mediche.

A differenza dei tradizionali impianti medicali, come le valvole cardiache o le protesi dell’anca che sono progettati per durare a vita, i dispositivi “elettronici transitori” sono realizzati con chip di silicio piccoli, ultra-sottili, contenenti elettrodi di magnesio, che si sciolgono completamente quando hanno svolto il loro compito. Sono in fase di sviluppo da parte di un team di ricercatori della University of Illinois, Northwestern University in Illinois e della Tufts University nel Massachusetts, entrambe università americane.

John Rogers, professore di ingegneria dell’Università dell’Illinois che ha guidato la ricerca, prevede già un considerevole numero di applicazioni mediche in cui i nuovi dispositivi potranno essere adottati.

I circuiti sono costituiti da un microchip a nano-membrane, che lentamente si sciolgono alla presenza di acqua o biofluidi.

“Un esempio di questo tipo di dispositivo è una sottile pellicola che entra nel corpo con un’incisione chirurgica per fornire una terapia termica che può eliminare i batteri che altrimenti causerebbero un’infezione”, ha detto Rogers.

La nuova elettronica biodegradabile potrebbe un giorno avere una vasta gamma di applicazioni – dal monitoraggio ambientale alla creazione di prodotti elettronici di consumo usa e getta e non inquinanti. Ma per ora, i ricercatori si stanno concentrando sulle possibilità mediche, tra cui i dispositivi per controllare l’attività di cuore, cervello e muscoli. Inoltre sperano di poter applicare i chip anche al rilascio di farmaci nel corpo.

Un articolo di John Rogers e dei suoi colleghi sullo sviluppo dei dispositivi medici biodegradabili è stato pubblicato nel numero di questa settimana della rivista Science.

Annunci

Microchip sottopelle per le analisi del sangue: l’ultimo seducente tentativo per impiantarcelo

Prima o poi, che ci piaccia o no, troveranno le giuste motivazioni per convincerci a farci impiantare un chip RFID nel nostro corpo. Ce lo hanno proposto per motivi di sicurezza, praticità, divertimento, educazione, ecc… Continua a leggere Microchip sottopelle per le analisi del sangue: l’ultimo seducente tentativo per impiantarcelo