Archivi tag: paradigm research group

Alieni, reali o no:audizione a Washington. Ne riferisce…il NYTimes!

E’ stranoto lo scetticismo dei media ufficiali su qualsiasi notizia riguardi anche solo  vagamente gli Ufo, e ancor più la possibilità che alieni provenienti da chissà dove si divertano a svolazzare, magari perfino a scendere sul nostro pianeta. L’argomento è da sempre tabù per l’informazione seria, chi osa parlarne si espone automaticamente all’irrisione, più che trattando di fantasmi o del mostro di Lockness.  Non a torto. Roba da film, o da blog molto alternativi, e cospirazionisti.

Date queste premesse, sorprende non poco leggere proprio sul New York Times, principe dei giornali, un resoconto della recente audizione-maratona al National Press Club. Non solo. Un articolo/post dai toni tutto sommato seri,  collocato addirittura nella sezione “Politica”. Probabilmente per via  della presenza – inedita o quanto meno rara – di ben sei ex parlamentari – che hanno reso la faccenda una cosa degna di nota. Una sorta di evento, “di cui si è tranquillamente discusso nei corridoi del potere, a dispetto del ridicolo che di solito accompagna i dibattiti sugli U.F.O”, racconta il NYT. Continua a leggere Alieni, reali o no:audizione a Washington. Ne riferisce…il NYTimes!

Annunci

A due passi dalla Casa Bianca nasce il ritrovo di chi va a caccia di alieni

Maxi-donazione di un appassionato,il “Paradigm Research Group” lancia una serie di incontri sui misteri con tre ex membri del Congresso

              

Ufologi, sostenitori delle teorie cospirative, appassionati di misteri e più in generale avversari del governo federale questa settimana hanno un luogo dove ritrovarsi.

 Al National Press Club, a breve distanza dalla Casa Bianca, si svolgono le prime audizioni pubbliche sull’esistenza degli extraterrestri celebrate a Washington dal 1968. La differenza è che allora a ospitarle fu il Congresso di Washington mentre adesso hanno la veste di «eventi cittadini» e ad organizzarli è l’associazione «Paradigm Research Group», grazie a 600 mila dollari di finanziamenti raccolto da un anonimo appassionato di ufologia residente in Canada. Ad ascoltare le testimonianze sono tre ex membri del Congresso: la democratica Roscoe Bartlett del Maryland e i repubblicani Mike Gravel dell’Alaska e Merrill Cook dello Utah.  

 Ognuno di loro ha ricevuto un gettone di presenza da 20 mila dollari per dare una cornice di solennità e credibilità a quanto viene narrato, riproponendo alcuni dei misteri più dibattuti. A cominciare dal presunto atterraggio a Roswell, in New Mexico, nel 1947 di un disco volante con a bordo degli alieni. A raccontare «quanto avvenne a Roswell e ci hanno finora nascosto» è stato Stanton Friedman, che si definisce un «investigatore civile», ricostruendo la «visita degli extraterrestri sulla Terra» iniziata con «la caduta di un disco volante recuperato dal governo». «Era chiaro che a bordo di quell’oggetto non c’era nulla di terrestre ma il governo nascose tutti – ha dichiarato, dopo la rituale formula di giuramento – è evidente che gli alieni ci fanno visita e il governo mente ai cittadini». Ogni udienza viene videoregistrata e viene messa online, in inglese e spagnolo, al fine di dare massimo risalto all’evento.


L’intento è lo stesso che spinse «Paradigm Research Group» a indirizzare nel 2011 al presidente Barack Obama una petizione con 50 mila firme chiedendogli di «riconoscere formalmente che gli extraterrestri sono in contratto con la razza umana». La curiosità per l’evento è dovuta anche alle presenze nel pubblico inclusa quella di Louis Farrakhan, il leader della «Nazione dell’Islam» che afferma di aver avuto un incontro personale con degli Ufo. L’ex deputato Cook, durante una sosta dei lavori, ha spiegato così la partecipazione al singolare evento: «Non ho idea se sugli Ufo ci sia un “cover up” del governo, so che ci sono cose che il governo nasconde e dunque ho alla vicenda degli extraterrestri un approccio aperto, senza alcun tipo di pregiudizi».


Fonte:La Stampa.it